Oltre 30 anni di storia, più di 1800 progetti provenienti dai cinque continenti: questo è Grand Prix, concorso internazionale di architettura ideato dal brand emiliano, giunto alla tredicesima edizione

Che significato hanno concorsi e premi di architettura oggi? Cosa significa per un professionista distinguersi nella progettazione in un determinato ambito (residenziale, pubblico, privato, in ceramica, in pietra, in legno ecc.)? Se lo scopo è mettere alla prova le capacità dei progettisti in quanto esseri umani curiosi, empatici, creativi, intelligenti, capaci, grazie al loro talento, di metterci in connessione con il Pianeta e farci diventare persone migliori, allora sì i premi di architettura hanno ancora un senso. Tra questi, il Grand Prix di Casalgrande Padana, sulla scena da oltre 30 anni, che apre fino al 31 dicembre 2024 iscrizioni e candidature (clicca qui).

Leggi anche: Project Wood, il fascino del legno di faggio

Un confronto comune

Prestigio e autorevolezza del Grand Prix Casalgrande Padana sono testimoniati dal successo “quantitativo” (oltre 1.800 progetti nelle varie edizioni), ma soprattutto dalla “qualità” dei progetti candidati, provenienti dai cinque continenti, grazie ai quali protagonisti dello star system architettonico, giovani talenti e studi consolidati, si confrontano sul common ground del progetto ceramico, tra creatività e innovazione tecnologica.

La ceramica protagonista

Grand Prix seleziona e premia i progetti più significativi che sanno valorizzare le proprietà tecniche e le potenzialità espressive degli elementi in grès porcellanato Casalgrande Padana. Attraverso questa iniziativa culturale, l’azienda, attenta ai fenomeni di evoluzione e rinnovamento che interessano il panorama architettonico internazionale, promuove un evento in cui la ceramica non si rivela solo in funzione del progetto, ma ne diventa protagonista.

Architettura, design, innovazione

Un’operazione supportata dal contributo di una giuria internazionale composta da esperti del settore, progettisti, professori universitari e critici dell’architettura, provenienti da diversi paesi, chiamata ad operare in autonomia. Una iniziativa che, nell’intenzione di Casalgrande Padana, vuole superare il concetto di concorso, per proporsi come momento di confronto e ricognizione costante sui temi di architettura, design e innovazione tecnologica.

Creative Book

I risultati di ogni edizione di Grand Prix Casalgrande Padana vengono raccolti in Creative Book, volume stampato in 60 mila copie, realizzato e diffuso in collaborazione con la rivista internazionale di architettura Casabella. All’interno, ogni opera premiata è illustrata, descritta e approfondita nei contenuti, per stimolare nuovi percorsi di ricerca e sperimentazione, andando a costruire nel tempo, un’opera documentale, sull’evoluzione del prodotto ceramico e delle sue applicazioni in architettura.

Cultura della produzione e cultura del progetto sono gli ambiti di riferimento fondamentali per le strategie di sviluppo di Casalgrande Padana che, sin dalle origini, ha promosso e consolidato un profondo rapporto di collaborazione con l’universo della progettazione architettonica e dell’interior design.