Dal 26 al 29 gennaio Homi apre le porte dell’edizione 2023, presso Fieramilano. Uno spazio-tempo espositivo in cui le tendenze dell’abitare incontrano le novità del settore

Homi 2023 torna a Fieramilano per raccontare i nuovi scenari dell’abitare e le tendenze che coinvolgono gli spazi domestici. Un contenitore che racconta l’evoluzione della casa, intesa come luogo del buon vivere, anche a fronte delle nuove abitudini quotidiane.

Made in Italy, sostenibilità e creatività sono i tre pilastri su cui si fonda la fiera, con un particolare accento, quest’anno, riservato all’artigianato dinamico, quello reinterpretato dai giovani talenti in chiave contemporanea.

Complementi d’arredo, tessili, accessori, decorazioni, oggetti per la tavola, essenze e profumazioni sono protagonisti di Homi, che però in questo 2023 si arricchisce di alcune novità d’intrattenimento e formative contemporaneamente.

Leggi anche: Le fiere dell’arredo design da non perdere nel 2023

Homi 2023: le novità 'sospese'

La presenza in fiera di due installazioni ‘sospese’, A Vista D’uomo e Skyline, rappresenta la prima novità di quest’anno.

Oltre a preannunciarsi coinvolgenti dal punto di vista visivo, le due creazioni fungeranno anche da veicolo espositivo di oggetti e proposte decorative, messi in risalto ma sempre integrandosi nel percorso della mostra.

“Si tratta di due spazi Imponenti, sospesi a tre metri da terra e con un’altezza che va dagli 8 ai 15 metri e un peso di 3.4 tonnellate - spiega Adolfo Carrara, autore del concept per Homi - realizzati pensando alla convivenza trasversale di mondi differenti - industria, artigianato, tecnologia design e decorazione – e seguendo il filo conduttore di Homi che unisce Made in Italy, sostenibilità e creatività.

Rappresentano anche un richiamo alla sostenibilità.

Entrambe le installazioni sono infatti state realizzate utilizzando materiali di recupero e riciclo forniti da aziende tessili italiane e più precisamente: Alois Compagnia Creativa, Basi Innovation, Best Tie, Fiet’s, Gesta sas, Manifattura Filtes, Martinelli Ginetto Group, Rivolta Carmignani, Tessitura Randi, Top Spugna.

“Sono stati impiegati oltre 200.000 metri di cimosse e nastri tessili che, grazie all'intervento manuale di artigiani, tappezzieri e allestitori italiani, hanno dato forma a queste imponenti sagome che rappresentano anche la centralità di Milano, omaggiando una città in progresso continuo” conclude Carrara.

Cosa vedere a Homi 2023

Come accennato, la sfera dell’artigianato rappresenta quest’anno un importante filo conduttore per la manifestazione: dagli espositori, ai talk e ai workshop in programma, il prodotto come l’approccio artigianale rappresentano un tema caldo.

Ancor più se green, quindi ragionato in ottica di sostenibilità. A conferma, si rinnova per il secondo anno l’appuntamento con il KiLife Sustainable Award, in collaborazione con Kiki Lab, nato per premiare le aziende non solo italiane ma anche internazionali più sensibili all’impatto ambientale dei propri progetti.

Homi 2023: chi ci sarà

Tra gli espositori presenti dal 26 al 29 gennaio 2023 a Homi, ci sono anche Innovaliving con le sue proposte di arredi realizzati con materiali d’elezione come ferro e legno, proposti attraverso inedite combinazioni, Nuvole di Stoffa con un’amia proposta di articoli di oggettistica per la casa ideati e progettati in Italia, Mascagni Casa con eleganti collezioni che coinvolgono i complementi d’arredo, gli oggetti da regalo, e anche l’ illuminazione.

Ci sono poi anche le porcellane fatte a mano e personalizzabili di Michela Reitani Ceramic, che possono essere intese come oggetti regalo, decorazioni, set per la tavola.

Ma anche diffusori d’ambiente e candele profumate con Euthalia Fragrances, che ha recentemente presentato ‘Duomo Milano’, la fragranza omaggio a una delle cattedrali gotiche più famose nel mondo e a una città sinonimo di storia e cultura.

Come è cambiato il modo di vivere la casa, lo dice Doxa

In occasione dell’edizione 2023 di Homi, Doxa conferma che i dati rilevano un notevole incremento di persone che desiderano avere a disposizione una stanza in più (36%), dove poter lavorare senza essere disturbati (o disturbare) dagli altri componenti della famiglia, o trovare spazio per allenarsi e tenersi in forma.

I pasti si consumano più di frequente in casa (+33% a pranzo, +36% a cena) e si condividono, più di prima, con amici e parenti.

Anche il tempo dello svago come la visione di film e serie (+42%) si afferma nettamente più casalingo.

HomiCommunity: uno strumento professionale

Infine, a supporto della manifestazione, e in attesa che la nuova edizione prenda il via, la piattaforma HomiCommunity rappresenta un canale ufficiale di contatto, scambio e aggiornamento tra professionisti di settore.

Un luogo virtuale (online, naturalmente) in cui operatori e buyer nazionali e internazionali possono conoscere in anteprima prodotti, novità e storie delle aziende che saranno presenti in fiera.