Architect’s Eye

L’eredità del pensiero architettonico consiste nel patrimonio di edifici e installazioni che hanno attraversato i secoli, e si concretizza in disegni, tecniche e materiali che nutrono la cultura e la fantasia dei progettisti. I quali impiegano, come strumento principe del loro creare, la vista; o, meglio, la visione, concetto che assimila alla mera funzione esercitata dall’occhio la valenza intellettuale del pensiero, rivolto verso il futuro. Su questa ampia considerazione si basa l’idea di Architect’s Eye, installazione ideata per Interni Legacy dallo studio russo Speech Tchoban & Kuznetsov con il contributo di Taltos, azienda piemontese specializzata in rivestimenti in pietre naturali ad alto contenuto tecnologico. Sergei Tschoban e Sergey Kuznetsov, partner e titolari del prestigioso studio di architettura Speech Tchoban & Kuznetsov, con base a Mosca, in cui oggi operano più di 120 progettisti, hanno ideato una sfera in acciaio inossidabile, completamente liscia e riflettente, posizionata nel Cortile d’Onore della Ca’ Granda. Vera e propria scultura high tech, la sfera è animata, grazie a un sistema a led, dall’immagine di una gigantesca pupilla umana che si rivolge al cielo, oppure ai visitatori, o a terra, modificando sia il colore dell’iride, sia la dimensione della pupilla. All’interno dell’occhio si susseguono immagini di monumenti dell’avanguardia russa che si trovano in stato di preoccupante abbandono: un forte richiamo alla necessità di conservare la propria storia ed eredità culturale. Grazie all’effetto riflettente dell’acciaio, la sfera riproduce e deforma l’immagine del chiostro settecentesco del Cortile, a simboleggiare il processo intellettuale dell’architetto che legge e interpreta le forme straordinarie del passato. La tecnologia, rappresentata dall’effetto mobile della pupilla, è un forte richiamo all’approccio che contraddistingue l’attività di Taltos, partner dell’installazione: l’azienda è specializzata nella realizzazione di lastre in pietre naturali, ampie e sottilissime, rinforzate da resine epossidiche e da supporti in fibra di vetro, di carbonio o acciaio, adatte ad impieghi su aerei e navi o come raffinati rivestimenti di interni e top di arredi.