INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

Now Reading:
FuoriSalone 2016 Interni Open Borders

FuoriSalone 2016 Interni Open Borders

Data Pubblicazione: 5 April 2016

SCARICA CARTELLA STAMPA – SCARICA FLYER

In occasione del FuoriSalone 2016 e della XXI Triennale Internazionale di Milano, INTERNI presenta la Mostra-Evento INTERNI OPEN BORDERS a Milano dall’11 al 23 aprile 2016.

Giunta nel 2016 alla sua 19° edizione, la Mostra-Evento di Interni si svolge in tre luoghi cardine della città: l’Università degli Studi di Milano (già Ca’ Granda, XIV secolo), l’Orto Botanico di Brera (XVIII secolo) e – per la prima volta – la Torre Velasca (1958), sede di Audi City Lab, che presenta Untaggable Future, un laboratorio di idee che farà incontrare trend setter ed esperti su quattro temi ‘untaggable’ (People, Cities, Light, Energy).

Interni Open Borders riunisce una serie di installazioni interattive, macro-oggetti, micro-costruzioni e mostre che esplorano il superamento dei confini disciplinari: il tema è sviluppato come ampliamento della visione progettuale a nuove sinergie, a contaminazioni con ambiti di ricerca diversi, quali il cinema, la fotografia; e come applicazione di architettura e design a settori in evoluzione quali il digitale, la tecnologia, la ricerca sulla sostenibilità.

Oltre ai protagonisti dall’Italia, Interni ha coinvolto progettisti di livello internazionale e di varie provenienze – Giappone, Cina, Brasile, Russia, Gran Bretagna, Polonia – con formazioni ed esperienze differenti, nell’ottica di comporre un mosaico di stili e visioni, e per mettere a confronto, anche a livello territoriale, i vari caratteri e le interpretazioni del progetto.

Interni collabora, nella realizzazione, con aziende leader nel campo dell’innovazione e della ricerca, con imprese che rappresentano brand affermati a livello internazionale e con piccoli produttori di nicchia, oltre a istituzioni pubbliche che sostengono l’imprenditorialità e la creatività. Con essi ha attivato una forte sinergia che si è espressa nella realizzazione di progetti originali e nella proposta di una visione culturale che intende segnare significativamente la settimana del FuoriSalone.

La mostra Casetta del Viandante a cura di Marco Ferreri – una delle installazioni di Interni Open Borders – è stata designata come mostra ufficiale della XXI Triennale Internazionale di Milano ’21st Century. Design After Design’. L’Università Statale diventa, pertanto, una delle sedi ufficiali della XXI Triennale Internazionale di Milano. Casetta del Viandante resterà aperta al pubblico fino al 12 settembre.

Now Reading:
L’art de la photographie

L’art de la photographie

Mostra, realizzazione Alidem
Hall Aula Magna
Data Pubblicazione: 5 April 2016

La mostra recupera alle origini la modalità espositiva del Salon, che intendeva rendere lustro e prestigio alle collezioni d’arte. Prima dell’avvento del Museo e delle sue logiche, i Salons rappresentavano il cuore di un’arte che assumeva i contorni di qualcosa da custodire ma nello stesso tempo da mostrare, per rendere partecipe della bellezza un pubblico ampio.

Vittime di una decadenza indotta dal “giusto fruire” l’arte secondo gli standard museali, i Salons sono presto diventati sinonimo di semplice sfoggio di ricchezza.

Alidem riapre i confini dei modelli espositivi e ripropone, con la mostra L’art de la Photographie, questi illustri Salons. Li proietta direttamente nella contemporaneità, creando una sinergia eloquente e dirompente fra i due linguaggi fondativi della nostra epoca: design e fotografia.

In questo cortocircuito fra tradizione e innovazione, Alidem presenta la fotografia come installazione di design: scompaiono le gerarchie categoriali in favore di un’esaltazione della potenza della visione

La mostra è realizzata a cura del Collettivo Alidem, composto da ricercatori, artigiani ed esperti della comunicazione del team di lavoro Alidem.

I fotografi partecipanti alla mostra L’art de la photographie sono: Slevin Aaron; Anton F, Thierry Bansront, Marta Bermejo Castaño, Nicola Bertellotti, Gianna Carrano, Giuseppe Cocco, Federica Cogo, Mark Cooper, Giulio D’Ercole, Andrea De Amici, Cesare Di Liborio, Eric Dufour, Paolo Hyena Lasagni, Linda Ferrari, Tommaso Fiscaletti, Samir Khadem, Jan Kaesbach, Diego Kuffer, Jamie Lieberman, Gianni Maffi, Eleonora Manca, Edoardo Miola, Raffaele Montepaone, Angelo Morelli, Gaetano Musto, Barbara Nati, Cinzia Naticchioni Rojas, Stefano Nicolini, Pino Ninfa, Francesco Nuvolari, Rori Palazzo, Stefano Parisi, Alessandro Pellican, Sara Piazza, Gianluca Pollini, Andrea Pozzuoli,Loreal Prystaj, Ugo Ricciardi, Francesco Romoli, Domenico Ruiu, Antonella Sacconi, Thomas Salme, Marco Siracusano, Yuri Sirri Nakvas, Diane Soares, Paolo Vergnano, Giovanni Villa, WOWE.

 

Previous Next
Now Reading:
The Great JJ

The Great JJ

Installazione luminosa Leucos
Cortile d’Onore
Data Pubblicazione: 5 April 2016

Da migliaia di anni l’uomo è mosso dal desiderio di esplorare, scoprire, oltrepassare le frontiere. Per curiosità e sete di conoscenza, talvolta per necessità o per semplice voglia di cambiare…

La luce è essa stessa fonte di passaggio: ineffabile strumento per superare un confine, quello del buio, schiarito e illuminato dalla sua forza vitale e creativa. Per secoli i più grandi architetti hanno progettato templi, monumenti e palazzi in funzione della luce: per celebrarla come fonte di energia e rinascita, ma anche per sfruttarne il potere.

Da oltre cinquant’anni Leucos esplora il dialogo fra luce e materia, non solo attraverso l’interpretazione del vetro, ma anche indagando le nuove frontiere del design con materiali inediti e fonti luminose sempre più avanzate.

Con The Great JJ (versione over-size dell’intramontabile lampada da tavolo con braccio orientabile a molle) Leucos rompe gli schemi: le sue grandi dimensioni ne accentuano il design iconico e rigoroso, rendendola protagonista di ogni spazio. Un salto di scala che gioca sull’effetto di spiazzamento provato da chi, avvicinandosi, si sente un novello lillipuziano nel mondo di Gulliver.

L’installazione luminosa di Leucos mette in evidenza i pregi applicativi e le varie e possibili declinazioni di questa lampada iperbolica.

 

Installazione luminosa realizzata daLeucos

Previous Next