INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

Now Reading:
Sicis a Ravenna
Archivio: Showroom

Sicis a Ravenna

Apre nel quartier generale dell'azienda uno showroom che è una dimora, dove il lusso è misurato, confortevole ed elegante
Data Pubblicazione: 12 June 2017

Stanze in cui gli arredi, le pareti, i pavimenti, le porte, ogni elemento assume importanza, in un linguaggio comune, un’armonia d’insieme avvolgente e gradevole.

 

Due piani estesi su più di mille metri quadrati ciascuno dove gli ospiti provenienti da tutto il mondo possono ammirare lo stile eclettico che contraddistingue le creazioni Sicis.

Dalle innovazioni in termini di materiali da rivestimento quali la Vetrite, fino a pannelli in mosaico artistico esclusivi, fanno da sfondo agli arredi.

 

Ambienti che interpretano un gusto internazionale, uno stile che prende spunto dalla storia del design e dell’architettura dell’ultimo secolo, per rendere questi mobili intriganti nella forma oltre che estremamente curati in ogni dettaglio.

 

 

Una vera dimora dove il lusso è misurato, confortevole ed elegante. Di distingue per bellezza e ricercatezza dei materiali e nelle fatture di ogni pezzo.

La Maison esprime quello che è la propria idea di interior design, stile, gusto, qualità e ricerca, per affascinare i clienti più esigenti.

Previous Next
Now Reading:
Pratic raddoppia la sede e aumenta il fatturato
Archivio: Showroom

Pratic raddoppia la sede e aumenta il fatturato

Uno stabilimento 'gemello' per l'azienda friulana di pergole e tende da sole di design che prevede di raggiungere quest'anno quota 35 milioni di euro, +12,5% rispetto al 2016
Data Pubblicazione: 9 June 2017

Ai piedi delle colline di Fagagna, in provincia di Udine, sta già prendendo forma la ‘gemella’ di Pratic, uno stabilimento di 8 mila metri quadri all’interno del quale ci saranno nuovi spazi produttivi, magazzini e un’area tecnica per consentire ai progettisti dell’azienda di lavorare in perfetta simbiosi tra produzione e uffici.

Come è nella tradizione dell’azienda guidata dai fratelli Edi e Dino Orioli, anche questa seconda sede porterà nel paesaggio un segno di grande valore architettonico: ancora una volta, la firma è quella degli architetti Stefano Gri e Piero Zucchi dello studio udinese Geza, gli stessi che hanno progettato – sette anni fa –  l’attuale quartier generale in occasione dei primi cinquant’anni di attività.

 

Dal progetto personalizzato alla produzione, dalla vendita all’installazione e al servizio post vendita: Pratic che dà lavoro a 140 dipendenti, numero che cresce fino a 200 nei periodi di punta.

Anche il fatturato vola e per il 2017 si prevede di raggiungere quota 35 milioni di euro segnando più 12,5% rispetto all’anno precedente, chiuso a sua volta con più 17.

 

La posizione di riferimento in Italia è consolidata e il progetto estero – cominciato da qualche anno – sta dando già risultati tenendo conto che incide per circa 10 milioni di euro.

Investimenti strutturali – 5 milioni di euro per la nuova sede – ma anche in innovazione.

È nata così la linea di pergole bioclimatiche che ha conquistato persino il mercato dei Paesi del nord Europa.

Ed è dello scorso ottobre, invece, il battesimo ufficiale di T-Project, una nuova linea di tende di concezione avanzata, dal punto di vista del design e delle prestazioni.

 

Previous Next
Now Reading:
Nuova sede FritsJurgens a Kolham
Archivio: Showroom

Nuova sede FritsJurgens a Kolham

La dinamica azienda olandese, specializzata nella produzione e commercializzazione di sistemi a scomparsa brevettati per porte a bilico, cresce e cambia sede
Data Pubblicazione: 9 June 2017

In un’ottica di continuo miglioramento, FritsJurgens® si sposta nel nuovo complesso di 4000 mq di cui 1400 mq di building, a Kolham nella provincia di GroningenPaesi Bassi settentrionali.

 

Lo studio di architettura olandese Zwarte Hond ha ristrutturato questo edificio progettato nel 1998 da Oving Architecten, che in origine ospitava una fabbrica specializzata in tecniche di saldatura.

 

Sono stati progettati spazi adeguatamente dimensionati per permettere la gestione di volumi variabili di lavoro, nonché un nuovo R&D (Dipartimento Ricerca e Sviluppo) e in-house Test Lab.

Il reparto commerciale, marketing e il management dell’azienda sono anch’essi all’interno dello stesso edificio per una migliore comunicazione tra i vari reparti.

La scelta di una nuova sede e l’adozione di sistemi gestionali innovativi e con funzioni ulteriori, fanno parte degli obiettivi di crescita che da sempre caratterizzano FritsJurgens®, con il fine di fornire un prodotto di elevata qualità e un servizio di efficienza in costante miglioramento.

 

Il sistema a scomparsa per porte a bilico brevettato FritsJurgens®, che può “portare” fino a 500 kg di peso e non richiede l’inserimento di dispositivi architettonici nel pavimento e nel soffitto, è ideale in caso di edifici nuovi, già esistenti o vincolati dalle Belle Arti.

 

Previous Next
Now Reading:
Il Museo del Design raddoppia: apre la sede di Torino
Archivio: Showroom

Il Museo del Design raddoppia: apre la sede di Torino

Esposizione nel centro cittadino per raccontare la storia del disegno industriale
Data Pubblicazione: 7 June 2017

Nel cuore del centro storico di Torino, al numero 12 della centralissima via Pietro Micca, la nuova sede del Museo del Design affianca quella principale di None, alle porte della città.

 

Il percorso espositivo conferma l’identità del Museo come galleria del disegno industriale, con una spiccata vocazione didattica rivolta ad un pubblico eterogeneo di appassionati.

In particolare, per stimolare la curiosità dei più piccoli, ogni mese verranno proposti laboratori che approfondiranno, attraverso il gioco, gli aspetti più significativi della progettazione e la correlazione tra forma e funzione.

 

Accanto ai pezzi iconici che hanno fatto la storia del design – come gli orologi da tavolo Cronotime di Pio Manzù e Optic di Joe Colombo –  l’allestimento mette soprattutto in evidenza gli ‘oggetti del quotidiano‘: dalle caffettiere ai bollitori, dai piatti alle forchette, senza dimenticare la molletta per il bucato o il Tratto Pen.

Una scelta espositiva che esprime una concezione democratica del bello ma anche un’attenzione all’evoluzione del gusto e degli stili di vita avvenuta nell’ultimo secolo.

 

Un focus specifico è dedicato agli strumenti della comunicazione, nella loro accezione più ampia, come la macchina da scrivere Olivetti, i televisori Brionvega e il telefono Stet, che sono entrati nelle case degli italiani accompagnando l’evoluzione tecnologica del Paese negli anni del boom economico.

 

Previous Next