INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

Now Reading:
Louis Vuitton a Roma
Archivio: Showroom

Louis Vuitton a Roma

La Maison inaugura un nuovo store a Roma all'interno di Rinascente via del Tritone
Data Pubblicazione: 12 October 2017

Louis Vuitton inaugura il terzo store della Maison nella capitale.

 

Situato all’interno della nuova Rinascente di via del Tritone, il negozio si colloca nel cuore dell’edificio principale, in una costruzione dei primi del ‘900 denominata Palazzetto, un vero e proprio palazzo nel palazzo.

La facciata del Palazzetto, su cui si aprono gli ingressi e le vetrine del negozio, diventa parte integrante e suggestiva dell’architettura del department store.

 

La Rinascente si trova in un luogo altamente simbolico per Roma e sorge su un importante sito archeologico riportato alla luce durante i lavori di restauro: l’Acquedotto Vergine inaugurato da Augusto nel 19 a.C.

 

La pianta del negozio Louis Vuitton, che sorge al livello stradale superiore a quello dell’acquedotto, segue anch’essa la linea curva del tracciato dell’acquedotto.

Si delinea così uno spazio straordinario, eclettico, raccolto tra le vestigia del passato.

 

Il soffitto, dall’importante altezza di sei metri, è il risultato dell’unione di due piani in un unico. Nasce così un maestoso ambiente in cui la luce naturale irrompe da cinque grandi finestre che affacciano sul lato dell’acquedotto.

Caratteristica questa che rende il negozio un unicum all’interno de La Rinascente.

 

Basati sul nuovo concept sviluppato per Louis Vuitton dall’architetto Peter Marino, gli interni sono un chiaro omaggio alla vocazione della Maison per l’unione di tradizione e innovazione.

I monumentali pilastri, che scandiscono lo spazio replicando la teoria di colonne esterne, sono rivestiti in pietra di Trani, mentre il pavimento in pregiato seminato alla veneziana ricrea un disegno di fiori del Monogram nelle tonalità del beige e del marrone.

I fiori ritornano in un delicato motivo sulle pareti, questa volta realizzati in stucco color crema.

La nota distintiva è data dalla mescolanza di molteplici materiali e texture: legni dalle differenti lavorazioni sono accostati alla pelle pregiata, carta da parati a effetto stucco a futuristiche mensole high-tech rivestite da un film che riproduce la fibra di carbonio.

 

Una sobria combinazione di proporzioni neoclassiche e forme contemporanee, di materiali tradizionali e tecniche innovative, permette di fondere passato e presente, la storia e l’artigianato francese e italiano con il design ultra-moderno.

Previous Next

 

Now Reading:
Ospitalità nordica
Archivio: Showroom

Ospitalità nordica

Björk Swedish Brasserie festeggia il suo primo lustro con un immaginifico 'Notturno'
Data Pubblicazione: 11 October 2017

A cinque anni dalla sua nascita, Björk Swedish Brasserie, primo progetto di ristorazione svedese in Italia, sottolinea, ampliandolo, il concetto di ospitalità, dedicando più spazi a pranzi e cene.

 

Björk amplia lo spazio milanese di Panfilo Castaldi 20 con il progetto/installazione di una grande quinta, interamente rivestita con un tessuto dai disegni onirici: liane cariche di frutti di pepe e palme esotiche, sullo sfondo di un cielo tropicale, blu notte.

 

Una sorta di quinta cielo/terra, epicentro concettuale del nuovo progetto di Nicola Quadri, per cui è stato scelto Notturno, storico pattern di Joseph Frank per Svenskt Tenn.

 

Un grande oblò trasparente con cornice in ottone al centro della parete,lascia intravedere lo spazio di lavoro dell’area gastronomia di Bjork Swedish Brasserie, ricco di specialità gourmand preparate dalla cucina del ristorante.

L’emporio, inoltre, accompagna il ristorante con il fascino dello store, attraverso un’accurata ricerca di prodotti alimentari e di design.

 

Previous Next
Now Reading:
Flexform a Singapore
Archivio: Showroom

Flexform a Singapore

Data Pubblicazione: 11 October 2017

Apre il primo flagship store Flexform in una delle città più aperte e cosmopolite del panorama asiatico.

Un edificio caratterizzato dal largo impiego di un materiale aereo e leggero come il vetro, che ha permesso all’azienda di affrontare una sfida architettonica complessa, superata brillantemente grazie ad un progetto che prevede la presenza di materiali di pregio, forniti da Flexform, quali le imponenti lastre in marmo e i raffinati tendaggi in lino.

 

Lo spazio espositivo che accoglie un’ampia quanto rappresentativa selezione dei best-seller e delle ultime novità dell’azienda, si sviluppa su due piani.

Il concept dell’allestimento riesce a trasmettere quell’idea di living caratterizzata da un’eleganza rilassata e al di là del tempo e delle mode per la quale Flexform è nota.

 

Previous Next
Now Reading:
Lalimentari
Archivio: Showroom

Lalimentari

Nuovo ristorante nella pittoresca Piazza Vecchia di Bergamo Alta
Data Pubblicazione: 9 October 2017

Lalimentari integra alla perfezione elementi di design con archi, capitelli e affreschi dello storico Palazzo del Podestà.

L’interior design ideato dall’architetto Paolo Albano, nel rispetto dei luoghi, ha voluto dialogare con la storia, inserendo elementi volumetrici definiti e utilizzando finiture decise.

Così nascono le cover in texture di ottone satinato per i locali dei servizi igienici e personale, i rivestimenti in lamiera in carbon wood per le porte interne, l’utilizzo del marmo di carrara per i top dei tavoli con sedute in legno nero di Pedrali; la scelta del ciliegio quale essenza calda che si contrappone alla pietra e all’intonaco bianco delle pareti esistenti; la WallWine in scatolato di ferro a caratterizzare la cantina e l’ampia scelta dei vini ben visibili.

 

Ricercato anche l’apporto illuminotecnico che esalta con dei pendenti la verticalità e gli affreschi storici presenti in enoteca, mentre nella sala vetrina a Piazza Vecchia un’‘esplosione’ di tensori accarezza il susseguirsi di volte.

 

In quest’atmosfera tra l’antico e il moderno si possono degustare così piatti della tradizione culinaria bergamasca elaborati dallo chef e proprietario Paolo Chiari, accompagnati da oltre 800 prestigiose etichette presenti nell’enoteca.

 

Previous Next