Un’architettura che si lascia scoprire attraverso i dettagli


di Mariana Jaramillo

 

Il lucernario, uno dei cardini del progetto – Foto di Dominic Dudley

Iniziato nel 2003 dall’architetto colombiano Rogelio Salmona, e ripreso subito dopo la sua morte dalla moglie, anche lei architetto,  María Elvira Madriñán tramite la Rogelio Salmona Foundation, il Rogelio Salmona Cultural Center dell’Università di Caldas, situato a  Manizales, è un esempio di come un’architettura possa diventare una forma di espressione culturale e avere la capacità di promuovere l’integrazione sociale, grazie alla sua composizione e al suo linguaggio.

Questo è il progetto culturale più importante nella regione centrale della Colombia; comprende un auditorium, una biblioteca, un centro scientifico, un conservatorio, una caffetteria e altri spazi, tutti disegnati per arricchire la vita universitaria e la vita sociale di Manizales.

Il progetto ruota intorno a un patio centrale, da cui si snodano tutti gli spazi circostanti, sia da un punto di vista fisico sia visuale; allo stesso tempo il patio rafforza il rapporto con la città e il suo territorio.

Per Rogelio l’architettura non era solo una rappresentazione tecnica ed estetica, ma anche una ricerca, tramite cui reinventava le stesse sue composizioni, grazie all’uso di materiali, luci e acqua, oltre che attraverso forme geometriche, creando progetti che erano scoperte emotive e esperienze sensoriali.
Senza dubbio María Elvira ebbe una grossa responsabilità nel riprendere questo progetto, rispettarne i principi e al tempo stesso  far sì che rispecchiasse il proprio obiettivo e la propria poesia.

Facciata del Caldas Cultural Center – Foto di Carlos Naranjo

Altra caratteristica fondamentale di questo progetto è aver utilizzato materiali che non erano autoctoni e nemmeno molto utilizzati a Manizales; a tal fine sono state compiute moltissime ricerche  cercando a tutti i costi colori e tonalità speciali. E la sfida non si limitò a questo. Fu infatti necessario insegnare ai costruttori locali tutte le tecniche affinchè trattassero e utilizzassero in modo adeguato i materiali per ottenere il risultato desiderato: una pelle fatta di mattoni e cemento che trasmette tramite la sua texture e il suo aspetto ritmi differenti.

 

La Biblioteca del Centro

La Biblioteca del Centro – Foto by Maria Elvira Madriñan

“E così, con il cemento e il mattone, l’architettura diventa una scoperta, un’esperienza, un percorso, dove i dintorni , la geografia, le trasparenze, tutto è creato per amore dell’architettura stessa. E’ l’architettura che ci dà l’occasione di costruire un linguaggio fatto di spazi, di paesaggi, di acqua e di tempo, costruito mattone dopo mattone. Così, quando guardo il lavoro finito, oso dire che l’architettura non è solo un luogo in cui passeggiare, da contemplare, da godere, ma anche un luogo da leggere, come se fosse una poesia scritta sui propri muri” spiega María Elvira.

 

gallery gallery
Facciata del Cultural Center - Foto di Carlos Naranjo - Facciata del Cultural Center - Foto di Carlos Naranjo
gallery gallery
Patio Principale - foto di Dominic Dudley
gallery gallery
Vista aerea del Caldas Cultural Center - Photo by Gabriel Ossa - Il centro visto dall'alto - Foto by Gabriel Ossa
gallery gallery
Dettaglio di una scala interna - Foto di Dominic Dudley
gallery gallery
La Biblioteca del Centro - Foto by Maria Elvira Madriñan
gallery gallery
Il Lucernario è uno dei dettagli salienti del Centro - Foto by Dominic Dudley
gallery gallery
Il particolare dell'oculo all'interno della biblioteca - Foto by María Elvira Madriñan
gallery gallery
Dettaglio della disposizione dei mattoni- Foto by Mauricio Diaz Gomez
gallery gallery
La planimetria del progetto
gallery gallery
Un sezione del centro culturale
gallery gallery
Disegno del progetto - di Rogelio Salmona
gallery gallery
Vista su Manizales - Foto by Dominic Dudley