Molteni&C|Dada arreda Davines Village, progetto architettonico dello studio Matteo Thun & Partners

Molteni&C|Dada Contract Division arreda Davines Village con soluzioni custom made e pezzi parte della Heritage Collection.

Il Gruppo Davines, specializzato in prodotti professionali per la cura dei capelli e della pelle con i marchi Davines e Comfort Zone, inaugura una nuova sede alle porte di Parma.

Il progetto architettonico, firmato dallo studio Matteo Thun & Partners con Luca Colombo direttore tecnico, e gli interni realizzati da Molteni&C|Dada Contract Division su disegno di Monica Signani, rappresenta la concretizzazione più tangibile dei valori di bellezza, sostenibilita e benessere che animano l’azienda guidata da Davide Bollati.

 

Realizzato su una superficie di 77.000 metri quadrati, il complesso copre circa 11.000 metri quadrati (pari al 20% dell’area complessiva) e include gli spazi dedicati a uffici, formazione, laboratorio di Ricerca e Sviluppo, stabilimento produttivo, magazzino e una grande serra centrale adibita a ristorante e spazio di co-working.

L’area rimanente, progettata dallo studio di architettura paesaggistica Del Buono Gazerwitz, è invece destinata a spazi verdi di diversa natura, fra cui un orto scientifico all’interno del quale vengono coltivate alcune tra le specie vegetali presenti nelle formulazioni cosmetiche.

 

L’ispirazione che ha guidato la definizione stilistica degli interni è nata dal desiderio di coniugare i valori di partecipazione e condivisione con la valorizzazione estetica dell’ambiente di lavoro. Il bianco, con alcuni accenni in bronzo, è il colore dominante di questi ambienti semplici e lineari.

Il concept degli interni è stato affidato all’interior designer Monica Signani che ha disegnato anche gli arredi custom made realizzati da Molteni&C|Dada Contract Division, ponendo particolare attenzione a materiali e finiture.

 

Per gli arredi delle aree di lavoro condivise – sale riunioni e spazi di co-working – sono stati scelti materiali e finiture di carattere artigianale: bronzo galvanico per le basi, top in linoleum in omaggio alle vecchie scrivanie degli anni ’50, bordature in ottone acidato, legni naturali con finitura a olio e piani in vetro retro verniciato. Spiccano due arredi iconici disegnati da Gio Ponti e rieditati da Molteni&C: il cassettone D.655.1 e la libreria D.357.1.

Nell’area reception il banco rivestito in marmo bianco Sivec – lavorato con scannellature verticali asimmetriche e impreziosito da bordature in ottone acidato –  appare come sospeso sulla pavimentazione in resina.

 

La serra è il fulcro dell’intero complesso del Davines Village. Dedicata al ristorante aziendale, include anche un bar dal sapore retrò, il cui bancone, ispirato a quelli dei vecchi bistrot, è stato reinterpretato in chiave contemporanea attraverso l’utilizzo di nuovi materiali.