INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

Now Reading:
L’Africa in Versilia
Archivio: People

L’Africa in Versilia

La collezione Onde di Mosaico+ per la piscina del Twiga Beach Club ispirata al tema della giraffa
Data Pubblicazione: 10 August 2017

Immersa nel verde tra cannicci, gazebi bianchi in bamboo e lettini kenioti, spicca la pavimentazione in mosaico della piscina salata del Twiga Beach Club ad opera di Mosaico+, ispairata al tema della “giraffa”.

 

Le superfici ondulate ma compatte della collezione Onde trasformano la piscina in uno specchio d’acqua cangiante, la luce rifratta nei colori accesi del rosso e dell’arancio delle tessere e si frantuma in mille riflessi trasparenti che sorprendono per luminosità e brillantezza.

 

Un’inedita sinergia in cui l’amore per il continente africano incontra il gusto e la cultura europea.

Previous Next
Now Reading:
Scorrevole ad alte prestazioni
Archivio: People

Scorrevole ad alte prestazioni

Data Pubblicazione: 9 August 2017

La nuova linea di scorrevoli Wide Vision by De Carlo è realizzata in alluminio a taglio termico, con telaio a scomparsa nella muratura che permette di ottenere una superficie vetrata molto ampia e quindi una maggiore illuminazione all’interno. Il disegno della struttura prevede un nodo centrale di soli 2 cm con un profilo di alluminio che si sviluppa in profondità.

Wide Vision è uno scorrevole che può essere realizzato a 2 ante, 3 ante, 4 ante fino a 6 vetrate continue (di larghezza massima sino a 2,2 metri l’una), con la possibilità di progettare pareti con angoli fissi completamente in vetro.

L’infisso è a taglio termico, isolante e resistente alle intemperie, con vetro basso emissivo e assicura performance di isolamento (caldo/freddo) più elevate rispetto alla media. Inoltre, con una guida raso soglia, consente di eliminare qualsiasi barriera architettonica.

Previous Next

 

Now Reading:
Comfort d’Oltralpe
Archivio: People

Comfort d’Oltralpe

Le Galet, il nuovo ristorante sur la plage firmato BT Group
Data Pubblicazione: 9 August 2017

BT Group si tinge del Drapeau Français. Infatti, sono state installate sei Pergoklima nel nuovo ristorante Le Galet sulla spiaggia di Nizza, arredato in stile italiano ma con un tocco di finezza francese, a cui si unisce una spiaggia privata di ciottoli, le galets appunto, che bianchi contrastano o si armonizzano con i lettini o i divani maxi blanc et bleu.

I proprietari della struttura hanno cercato di far vivere la spiaggia in maniera elegante, non rinunciando a comodità e gradevolezza negli arredi.

La scelta è caduta sul modello Pergoklima R 600, dal design innovativo. Sei pergole bioclimatiche, sono state installate per dare un tocco contemporaneo e di classica modernità alla location. Infatti, la struttura in alluminio che richiama il colore del legno, materiale nobile che scalda l’ambiente, spicca cromaticamente rispetto alle lamelle, totally white, e agli arredi più marinari e semplicemente accoglienti.

Previous Next
Now Reading:
Agave
Archivio: People

Agave

La collezione nata dalla collaborazione tra Ethimo e Mattia Albicini nella cornice d’eccezione dell’Hotel Parco dei Principi di Sorrento, progettato nel 1962 da Gio Ponti
Data Pubblicazione: 8 August 2017

Agave, la collezione outdoor di tavoli e sedute di Ethimo che nel nome e nelle linee trae ispirazione dalle forme sinuose delle foglie dell’omonima pianta, suggerisce interpretazioni inedite per valorizzare anche l’interior.

Una cornice d’eccezione accoglie la nuova immagine di Agave: l’Hotel Parco dei Principi di Sorrento, uno dei primi alberghi di design al mondo, progettato da Gio Ponti nel 1962.

Agave conferma la sensazione di disinvolta eleganza e ‘racconta’ la sua duplice indole attraverso gli spazi, straordinari, di questo luogo affascinante e unico, che celebra il lusso, l’arte e il design.

La scelta di questa suggestiva location vuole essere un richiamo all’esclusività della collezione.

L’Hotel Parco dei Principi di Sorrento diventa, così, un ‘palcoscenico’ dove poter sottolineare il legame tra il design di Agave e l’architettura del contesto.

 

Previous Next