INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

Now Reading:
Copernico Martesana
Archivio: People

Copernico Martesana

Il nuovo hub milanese della piattaforma di spazi e servizi dedicati allo smart working

Progetto curato da Studio DC10
Data Pubblicazione: 6 December 2017

Ancora più flessibile, ancora più ibrido, sempre più ricco di contaminazioni, Copernico Martesana sceglie il cuore dell’emergente polo innovativo di Milano.

6.500 metri quadri, che si aggiungono al portfolio di 12 realtà della piattaforma, il nuovo hub è dinamico e funzionale, al centro del quale c’è la persona, la sua vita professionale e non solo.

Un nuovo lifestyle del lavoro che trova riscontro anche nel progetto architettonico e di design curato interamente da Studio DC10 che richiama il genius loci di quest’area milanese – storicamente votata all’industria – dando vita a un hub sociale in cui si trovano anche due spazi insoliti per un ambiente lavorativo: la Oxygen Room – una stanza dove domina il verde in cui entrare per allontanare lo stress, ossigenarsi e lavorare senza cellulare e computer, e il Loft Office – l’ufficio come a casa, uno spazio di design personalizzato, che mantiene una dimensione intima ma condivisa.

Copernico Martesana è costituito da tre building indipendenti e interconnessi tra loro dove trovano spazio uffici arredati, coworking, sale meeting, spazi eventi, lounge e library e un bar caffetteria in stile Copernico, il cui concept è risultato dal lavoro del gruppo di progettazione coordinato da Bunker e composto da Bunker, Torricelli Associati, Weltgebraus.

Un format dove la dimensione spaziale si fonde con quella esperienziale, all’insegna di tre key concept dell’ecosistema Copernico: contaminazione, connessione, conoscenza.

Copernico Martesana riprende lo stile di Copernico Centrale riadattandolo al contesto.

 

Previous Next
Now Reading:
Interior design on board
Archivio: People

Interior design on board

Zucchetti. Kos navigano a bordo dei prestigiosi yacht Otam e Monte Carlo Yachts
Data Pubblicazione: 6 December 2017

La divisione Contract del gruppo Zucchetti. Kos offre al pubblico internazionale degli armatori la possibilità di vivere il mare con l’eleganza made in Italy che da sempre contraddistingue i prodotti dell’azienda.

Gipsy è il primo progetto della linea Otam Custom Range: i 35 metri studiati dall’architetto Tommaso Spadolini con Marine Design & Service armonizzano perfettamente lo stile moderno degli interni alle linee esterne.

Sul sun deck spicca scultorea la Minipool by Kos, design L+R Palomba in versione custom.

Tutte le cabine vip sono dotate di bagni realizzati con materiali di alta qualità, rigorosamente made in Italy, e con la collezione di rubinetteria Savoir by Zucchetti, design Matteo Thun con Antonio Rodriguez.

Le forme primarie e pure della stessa collezione sono state scelte, grazie alla loro versatilità e possibilità di personalizzazione, anche per i bagni di due imbarcazioni firmate Monte Carlo YachtsMCY105 e MCY96 ideati in ogni dettaglio da Nuvolari Lenard.

 

Previous Next
Now Reading:
Arredi per l’arte
Archivio: People

Arredi per l’arte

Gli arredi Usm Haller per gli uffici della sede della Fondazione Louis Vuitton a Parigi
Data Pubblicazione: 5 December 2017

A Parigi, a fine 2014, la Fondazione Louis Vuitton ha aperto al pubblico la sua nuova sede tra i Jardin d’Acclimatation e il Bois de Boulogne: un edificio dedicato all’arte progettato dall’architetto canadese Frank Gehry.

La scelta dei mobili e dei sistemi d’arredamento Usm per gli uffici della nuova sede della Fondazione è avvenuta in modo del tutto naturale. I requisiti dovevano soddisfare sia elevati standard qualitativi a supporto del marchio di lusso Louis Vuitton, sia l’esigenza di un arredamento capace di grande adattabilità, data la forma insolita degli uffici imposta dalla forma stessa dell’edificio.

I sistemi di arredamento Usm Haller in bianco puro rifiniscono l’ufficio senza ridurne lo spazio, mentre le aree dedicate al lavoro individuale sono state arredate utilizzando diversi colori: le scrivanie Usm Haller hanno mobili contenitori su ruote in giallo oro, rosso rubino, blu genziana e arancio puro. Anche per le sale riunioni e gli uffici privati sono stati scelti tavoli Usm Haller.

Previous Next
Now Reading:
Lucciola
Archivio: People

Lucciola

Il ristorante italiano nell'UWS a Manhattan è un omaggio alla città natale dei fondatori, Bologna, con la sua cucina e la sua storia cinematografica riportata in vita a New York City
Data Pubblicazione: 5 December 2017

Lucciola, il nuovo ristorante italiano nell’UWS a Manhattan (al 621 di Amsterdam Ave a New York), creato da Michele Casadei Massari, Alberto Ghezzi e Gianluca Capozzi, con i co-fondatori Erica Monti e Luca Filicori, ha aperto le sue porte.

I piatti, l’atmosfera e il concept di Lucciola si ispirano in particolare al film Festa di Laurea, diretto da Pupi Avati. Il ristorante riflette l’atmosfera nostalgica e romantica di Bologna che Avati ha raffigurato, in particolare la sua famosa scena in cortile dove la semplice illuminazione ricordava le lucciole.

Lucciola, che si trova lungo la strada per Central Park dove si registra la concentrazione più alta di lucciole della megalopoli, è dedicato all’attore del film di Avati, Nik Novecento, che ha incarnato i valori di Bologna, con la sua passione, anima, coraggio e gentilezza.

Il menu presenta una replica della prima pagina del Corriere della Sera del 1 febbraio 1975, in cui il regista Pier Paolo Pasolini ha pubblicato uno dei suoi ultimi pezzi pochi mesi prima di essere assassinato. Pasolini utilizzava le “lucciole” come simbolo e metafora di una parte della nostra società.

Previous Next