INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

Now Reading:
Claudio Luti nuovo presidente del Salone del Mobile
Archivio: People

Claudio Luti nuovo presidente del Salone del Mobile

Data Pubblicazione: 16 March 2017

Claudio Luti è il nuovo presidente del Salone del Mobile.Milano, designato dal Comitato della Business Unit costituita all’interno di Federlegno Arredo Eventi per gestire specificamente il marchio del Salone del Mobile e le sue attività fieristiche con deleghe operative, affiancato da Marco Sabetta, Direttore Generale e Andrea Vaiani, Direttore della Manifestazione.

Luti, che ha già ricoperto l’incarico di presidente del Salone dal 2012 al 2014, sarà impegnato in un progetto di ulteriore rafforzamento dell’immagine e del ruolo di leadership del Salone di Milano. “Ho accettato con piacere – spiega Claudio Luti – l’invito del nuovo presidente di Federlegno Arredo Eventi Emanuele Orsini ad assumere questo incarico perché credo nel Salone del Mobile e nel suo valore strategico per Milano”.

“Raccolgo il buon lavoro svolto da chi mi ha preceduto per questa edizione”, continua Luti. “In condivisione con i colleghi imprenditori che saranno parte della nuova squadra al mio fianco, sarà mio compito da subito progettare la struttura di una organizzazione che possa tutelare il marchio riconosciuto nel mondo e che deve continuare a essere la migliore rappresentazione del lavoro e degli investimenti delle nostre imprese”.

Previous Next
Now Reading:
Innovazione premiata
Archivio: People

Innovazione premiata

IF Design Award 2017 per il nuovo radiatore Andrea di Cordivari
Data Pubblicazione: 16 March 2017

Il termoarredo Andrea, apprezzato per la qualità del design, il livello di innovazione (brevetto Cordivari), la funzionalità, l’ergonomia e il basso impatto ambientale, si aggiuduca l’IF Design Award 2017.

Rispetto alle soluzioni tradizionali con collettori verticali e gruppi di radianti orizzontali, Andrea è costituito da un unico collettore verticale e radianti laterali a sbalzo non sovrapposti.

Il tradizionale scaldasalviette diventa un elemento d’arredo di charme, conservando la funzione di scalda asciugamano, l’ergonomia, la versatilità e le performance termiche.

Previous Next
Now Reading:
Quando l’architettura si fonde nella natura
Archivio: People

Quando l’architettura si fonde nella natura

Trasparenza e luce nel progetto di riqualificazione dell'architetto Salvatore Puleo sulle colline catanesi per una casa senza confini verso il mare
Data Pubblicazione: 16 March 2017

Interni ed esterni dialogano continuamente in un progetto residenziale connotato dall’innesto di un volume hi-tech in villa anni Ottanta.

L’architetto Salvatore Puleo ha pensato a una riqualificazione abitativa condotta nel rispetto dell’esistente e soprattutto con l’obiettivo di ridurre al minimo l’impatto ambientale e visivo.

La natura ‘entra in casa’ grazie alle vetrate quasi completamente apribili.

 

L’impatto sul paesaggio circostante è dolce e mai invasivo. La villa accoglie maestosa ed elegante nella natura morbida e lussureggiante tipica dei terrazzamenti degradanti delle colline catanesi che guardano il mare.

 

Il concept progettuale è orientato alla massima integrazione del vecchio con il nuovo, da un lato valorizzando il patrimonio edilizio esistente, dall’altro dotando il nuovo costrutto innestato, con le più innovative tecnologie per l’efficienza energetica e la sostenibilità ambientale. I materiali scelti sono perlopiù ecologici: naturali e riciclabili come legno, pietra, metallo, vetro.

 

Una fusione e una percezione di ampiezza degli spazi favorite anche dall’utilizzo di Microtopping applicato su pavimento radiante.

Oltre a donare un effetto continuo, senza interruzioni, caldo e materico, il materiale Ideal Work, insieme al soffitto in legno assicura un ottimo comfort abitativo anche nel periodo invernale.

 

Gli interni si presentano ariosi, luminosi, connotati da un minimalismo elegante e mai asettico in cui vengono particolarmente valorizzati, anche dal pavimento, i complementi d’arredo di design scelti.

 

 

Previous Next
Now Reading:
Esperienze di luce e design
Archivio: People

Esperienze di luce e design

Le suggestive installazioni in vetro del casinò di Sochi in Russia sono state realizzate da Lasvit in collaborazione con Dalton Steelman Arias & Anderson (DSAA)
Data Pubblicazione: 16 March 2017

Il Sochi Casino and Resort costituisce un esempio eccellente dell’eclettica attività di Lasvit, azienda ceca di design che produce lussuosa arte vetraria contemporanea, che va dalla produzione di installazioni high-tech in movimento, alle sculture luminose progettate su misura, a esclusivi elementi architettonici in vetro.

 

Al loro ingresso nella lobby, i visitatori sono accolti da Supernova, installazione cinetica interattiva, ideata da Petra Krausova e composta di elementi di vetro trasparente con una texture di linee che, muovendosi secondo diverse angolature, crea affascinanti disegni di luce.

 

Nell’High Limit Zone sono installati due pannelli del Lasvit Crystal Wall, elementi divisori progettato per unire la bellezza del cristallo ceco alla pratica versatilità dell’elemento architettonico.

Fra i due pannelli, una maestosa installazione luminosa in cristallo di Monika Pacikova adorna il soffitto.

Lungo quasi sei metri, questo lampadario di forma ellittica è composto da più di 150.000 perle di vetro, legate e appese secondo intricati disegni che creano l’effetto di un tessuto ripiegato. Il cristallo risplende sotto un centinaio di sorgenti luminose, creando effetti arcobaleno.

 

Infine, Stepan Gudev ha creato un’installazione su misura per la reception del casinò.

Il pannello è ispirato alle montagne di Krasnaya Polyana, con le loro vette innevate e le piste da sci. L’installazione, alta più di tre metri, è composta da fritte di vetro con gradienti di colore.

Previous Next