INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

Now Reading:
Acustica performante
Archivio: People

Acustica performante

Axal Vector di Armstrong Building Products per il complesso immobiliare La Forgiatura a Milano
Data Pubblicazione: 12 October 2017

I controsoffitti metallici microperforati Axal Vector di Armstrong Building Products contribuiscono alla riqualificazione dell’area industriale La Forgiatura: ex fabbrica per forgiare acciai, oggi trasformata in un moderno centro polifunzionale per ospitare marchi internazionali di moda e design e realtà dell’industria dei servizi e della comunicazione.

In prossimità del quartiere Certosa, a nord ovest di Milano, il recupero del complesso La Forgiatura è stato affidato allo studio di architettura Milano Layout.

Gli architetti hanno scelto Axal Vector per arredare 4000 metri quadrati tra uffici chiusi, open space e sale riunioni per proiezioni multimediali.

Previous Next
Now Reading:
Poliedrica Vanity Fair
Archivio: People

Poliedrica Vanity Fair

L'azienda di Tolentino reinterpreta la Vanity Fair. Tre Limited Edition di un'icona per condividere un sogno
Data Pubblicazione: 12 October 2017

Poltrona Frau condivide un sogno con il Farm Cultural Park di Favara, Sicilia, sostenendo il Farm Children’s Museum di Favara, nuova sfida nella riqualificazione culturale e sociale della città siciliana.

Uno spazio laboratorio contemporaneo, dove i bambini possono esprimere immaginazione ed energia creativa in totale libertà, lavorando con forme, materiali e colori.

Cuore del nuovo progetto a sostegno del Farm Children’s Museum, la poltrona Vanity Fair, icona del marchio.

La nuova texture riveste due Vanity Fair Limited Edition: 50 esemplari per la Baby Vanity Fair e 100 per la miniatura. Il progetto si completa con una terza interpretazione. Il modello nella dimensione classica viene proposto con lo speciale rivestimento Pelle Frau® Nubuck nei toni del seppia, ispirati alla Sicilia araba e alle architetture di tufo dell’isola disponibile in 75 esemplari.

Previous Next
Now Reading:
Centro Arti e Scienze dell’Opificio Golinelli
Archivio: People

Centro Arti e Scienze dell’Opificio Golinelli

Ha inaugurato oggi a Bologna un nuovo spazio di circa 700 metri quadrati di Fondazione Golinelli per l’innovazione e la ricerca

Progetto di Mario Cucinella Architects

Primo evento: la mostra di arte e scienza 'Imprevedibile, essere pronti per il futuro senza sapere come sarà'
aperta al pubblico dal 13 ottobre al 4 febbraio 2018
Data Pubblicazione: 11 October 2017

A due anni dalla nascita di Opificio Golinelli, inaugura il Centro Arti e Scienze Golinelli, una nuova iniziativa a vocazione sperimentale e internazionale, la cui progettazione architettonica è stata affidata a Mario Cucinella Architects.

L’Opificio Golinelli getta così le fondamenta per diventare una vera e propria infrastruttura per la conoscenza e la cultura, destinata a crescere ancora.

Infatti, a breve, la Fondazione Golinelli avvierà ulteriori lavori di ampliamento, che in un anno porteranno alla realizzazione di un altro spazio: si raggiungeranno così 14.000 metri quadrati complessivi e le superfici utili coperte per le attività saranno di quasi 10.000 metri quadrati.

Il primo passo di questa scommessa è rappresentato dal Centro Arti e Scienze Golinelli, uno spazio pensato per offrire una sintesi fra arte e scienza.

Dal punto di vista architettonico, il centro coniuga funzionalità e valenza estetica.

Progettato da Mario Cucinella Architects, è una costruzione di circa 700 metri quadrati, che vanno ad aggiungersi ai 9.000 dell’Opificio.

Si tratta di un grande parallelepipedo di 30×20 metri, alto 8, composto da un volume chiuso che costituisce il cuore dell’architettura, una geometria pura semi-trasparente, che nelle ore diurne riflette ciò che ha attorno e nelle ore notturne è invece luminosa.

Lo spazio è privo di partizioni o rigide organizzazioni planimetriche per garantire la massima flessibilità di utilizzo ed è avvolto da un involucro esterno leggero e vibrante, una griglia modulare metallica, in alcune sue parti percorribile dai visitatori.

Il nuovo Centro Arti e Scienze Golinelli non sarà un semplice spazio espositivo, ospiterà infatti un programma pluriennale di iniziative culturali.

Inaugura con la mostra Imprevedibile, essere pronti per il futuro senza sapere, ispirata da un’idea di Marino Golinelli, è prodotta da Fondazione Golinelli e curata da Giovanni Carrada per la parte scientifica e da Cristiana Perrella per la parte artistica.

Il progetto dell’allestimento è di Mario Cucinella Architects.

 

 

Previous Next
Now Reading:
Venticinque anni di Tubes
Archivio: People

Venticinque anni di Tubes

Data Pubblicazione: 11 October 2017

Un quarto di secolo all’insegna dell’innovazione, della ricerca tecnologica e del design nel settore del riscaldamento viene celebrato da Tubes con un inedito video a cura dell’artista Gianluca Vassallo e un’antica fornace Muranese, oggi galleria d’arte appena ristrutturata, in cui alcuni dei prodotti iconici di Tubes, grazie alla loro scultoreità, sono stati scelti per enfatizzare con forte carattere gli spazi.

L’artista e fotografo Gianluca Vassallo è stato scelto per raccontare con raffinatezza ed emozione la componente umana che sta dietro alla creazione di ogni prodotto Tubes, sottolineando l’heritage dell’azienda, la sua storia, con un video ambientato nel cuore pulsante di Tubes, a Resana, in provincia di Treviso.

Il nuovo spazio polifunzionale Murano Gallery Luab 4.0, sull’isola di Murano, nasce da un’antica fornace e dall’incontro di quattro soci, Francesco Scarpa, Ivano Seno, Andrea Perotta e il maestro vetraio e designer Fabio Fornasier che ne rappresenta anche la mente creativa. Un luogo di ricerca e sperimentazione, in cui sale espositive, forni, sale colore e zone living rivivono dopo il restauro.

Tubes, partner del progetto, è presente con alcuni tra i più celebri modelli di caloriferi della sua collezione: Soho e Square disegnati da Ludovica+Roberto Palomba, Milano di Antonia Astori e Nicola De Ponti, Rift di Ludovica + Roberto Palomba with Matteo Fiorini e add-On di Satyendra Pakhalé arricchiscono il progetto con il loro apporto in termini architettonici e artistici.

Previous Next