La poetica installazione ispirata al concetto di aria di Nendo per Daikin

Una distesa di fiori che fluttuano in uno spazio puro e candido, a tratti straniante, attorniati da una leggera brezza di luci e ombre.

Questa la sensazione donata dall'evocativa installazione ideata dallo studio Nendo, guidato da Oki Sato e realizzata con Daikin, multinazionale di riferimento internazionale nei sistemi di climatizzazione, riscaldamento, refrigerazione e per la chimica del fluoro, in occasione del FuoriSalone 2019 presso lo spazio Tenoha Milano.

 

Breeze of Light si ispira al concetto di aria, elemento essenziale per la vita dell’uomo e parte del core business di Daikin.

L’aria, essendo invisibile, non viene percepita dalle persone, che spesso la danno per scontata. La mostra offre quindi il modo per visualizzarla: ‘materializza’ l'aria. L'installazione diventa così una vera e propria esperienza sensoriale tutta da vivere.

 

Si può percepire l’esistenza dell’aria di cui, solitamente, non si è a conoscenza” Nendo"

Ogni fiore stilizzato è stato posato in una precisa posizione e a una determinata altezza, per creare, grazie al movimento di luci e ombre su ciascun elemento, un paesaggio morbido e apparentemente sterminato. Così, in un giardino fiorito virtuale, illuminato da 115 faretti che a loro volta riflettono la luce su 17.000 pellicole polarizzate a forma di fiore, si ha la sensazione di essere accarezzati da una leggera e confortevole brezza di luci.

Breeze of light è un'installazione in cui si può percepire una leggera brezza grazie a un gioco di ombre e luci. Poiché Daikin è un’azienda che produce sistemi di climatizzazione e la sua mission è ricreare il comfort perfetto per ogni ambiente, la mostra vuole rappresentare uno spazio in cui si può sentire l’esistenza dell’aria di cui, solitamente, non si è a conoscenza racconta Nendo.