Premio Internazionale Ischia di Architettura 2018 – 10/15 settembre

Premio Internazionale Ischia di Architettura 2018 – 10/15 settembre

 

Nel decimo anno di attività dell’associazione, PIDA – Premio Internazionale Ischia Di Architettura – conferma la vocazione a diventare il premio di architettura e design di riferimento per gli hotel e le SPA più belle del mondo, e, attraverso lo strumento del workshop di progettazione locale, quella di stimolare il cambiamento nel panorama edilizio dell’isola d’Ischia.

Tra le importanti novità di questa edizione, la nascita della collaborazione con il magazine Interni che entra a far parte della giuria che valuterà i progetti a concorso e con il quale si istituisce una sezione speciale dedicata all’interior design.

Per questa edizione il titolo scelto è Protopia Maio. Come ha spiegato Kevin Kelly: “Protopia è uno stato che è meglio oggi di ieri, anche se potrebbe essere anche un pochino meglio. La protopia è più difficile da visualizzare (rispetto all’utopia). Perché contiene anche nuovi problemi oltre a nuovi benefici”.

La giuria che ha valutato i progetti in gara (composta da Luigi Prestinenza Puglisi (presidente), Luca Gibello, Francesco Pagliari e Federico Spagnulo) ha selezionato gli elaborati e ha definito tre finalisti (in ordine casuale, il vincitore verrà proclamato durante il fine settimana clou dell’evento): Franco Tagliabue e Stefania Saracino con il progetto Casa Riga con agriturismo a Comano Terme; Alessio Princic con Villa Verde Hotel & Resort; Gaetano Manganello con Alba Palace Hotel.

Per la sezione SPA va una menzione speciale per la migliore realizzazione allo studio DE8 per le nuove terme di San pellegrino e a seguire la Urban SPA degli architetti Ferrucci Vitale.

Nella sezione PIDA sisma e PIDA Sisma recupero, menzioni speciali sia per il progetto “Università della Preghiera – ONLUS, Casa Dono di Gesù – L’Aquila” di Antonio Giuseppe Martiniello e Angela Amalfitano, sia per la riqualificazione di un antico fienile ad Ovindoli realizzata da Alberto Giobbi.

La giuria composta ha assegnato i premi speciali 2018: Fotografia di architettura e paesaggio all’architetto Alessandra Chemollo, Internazionale all’architetto Atsushi Kitagawara, Carriera architetto Federico Spagnulo, Speciale Ricostruzione all’architetto Mario Cucinella, Giornalismo all’architetto Marco Maria Sambo.

Vedi il programma completo.

Guarda il video per conoscere tutte le novità dell’edizione 2018: