La personale della scultrice brasiliana Bia Doria che realizza le sue opere scultoree con legno di recupero

Palazzo Litta,

dal 18 gennaio al 3 febbraio 

Inaugurazione: 17 gennaio, ore 19

 

Palazzo Litta si anima di energia e movimento con la mostra dell’artista brasiliana Bia Doria, le cui sculture contemporanee dialogano con gli ornamenti dell’edificio barocco. 15 sculture di legno di grandi dimensioni, realizzate con residui provenienti da foreste brasiliane a gestione sostenibile. Attraverso la trasformazione del legno che sarebbe destinato allo scarto, l’artista invita a riflettere sull’importanza della valorizzazione e della tutela dell’ambiente.

Bia Doria è una scultrice brasiliana di discendenza italiana che abita e lavora a São Paulo. Per le sue opere utilizza legno proveniente da alberi di foreste a gestione sostenibile e di tronchi recuperati da incendi, zone di deforestazione, fondi di fiumi e dighe. Bia Doria ha visitato le foreste del Brasile e le comunità indigene ed è stata più di una volta nella foresta Amazzonica, cercando di richiamare l’attenzione sulla tutela dell’ambiente tramite il suo lavoro.

L’esposizione è organizzata da Unideias e sponsorizzata da Pirelli.