Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana

La Triennale di Milano ha annunciato i vincitori della VI edizione del Premio Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana, a cadenza triennale nato dalla collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e della I edizione del Premio T Young Claudio De Albertis, un nuovo riconoscimento dedicato alle promesse dell’architettura e dell’ingegneria.

La Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana si pone come riflessione attiva sul ruolo del progettista e delle sue opere. Premi e menzioni sono assegnati ad architetture progettate da professionisti italiani (architetti e ingegneri) e realizzate in Italia o all’estero nel periodo 2015-2017.

349 sono le candidature ricevute per la Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana e 88 per il Premio T Young Claudio De Albertis.

I progetti dei vincitori di entrambi i premi sono riuniti in una mostra a cura di Lorenza Baroncelli, che resterà aperta al pubblico fino all’11 novembre 2018.

 

Presieduta da Stefano Boeri, la giuria ha assegnato la Medaglia d’Oro all’Architettura allo studio feld72 per il progetto Kindergarten Niederolang, Olang, Bolzano, 2016.

I Premi Medaglia d’Oro alla Carriera sono assegnati a Umberto Riva, Paola Viganò, Guido Canali, Valeriano Pastor.

Il Premio Speciale all’Opera Prima è assegnato a Mirko Franzoso per la Casa sociale Caltron, Cles, Trento, 2015.

Il Premio Speciale alla Committenza è assegnato alla Soprintendenza Archeologica della Puglia e Segreteria Regionale MIBAC per la realizzazione del progetto di Edoardo Tresoldi, Dove l’arte ricostruisce il tempo, Manfredonia, Foggia, 2016.

 

Sono state inoltre assegnate le sei Menzioni d’onore:

-per la categoria Nuovi edifici a Barozzi/Veiga per la Scuola di Musica Brunico, Brunico, Bolzano, 2015-2017;

-per la categoria Paesaggi e spazi urbani ad Amanzio Farris per Belvedere per una persona, Rocca di Mezzo, L’Aquila, 2015;

-per la categoria Infrastrutture a Stefano Santambrogio per la riqualificazione del lungolago di Malgrate, Malgrate, Lecco, 2015;

-per la categoria Interni a Gianmatteo Romegialli per La piscina del Roccolo, Como, 2015;

-per la categoria Allestimenti a Canali Associati per l’allestimento del nuovo Statue Stele e restauro del Castello del Piagnaro a Pontremoli, Pontremoli, Massa-Carrara, 2015;

-per la categoria Riconversione e Restauro a Giulio Barazzetta e SBG Architetti per progetto, direzione lavori e direzione artistica del Restauro della Chiesa di Nostra Signora della Misericordia, Baranzate, Milano, 2006-2015.

 

Il premio Premio T Young Claudio De Albertis è assegnato a Simone Gobbo per il Bivacco F.lli Fanton, Marmarole, Belluno, 2015 – in costruzione.

Gli altri finalisti del premio erano: Matteo Arnone, Andrea Brambilla, Mario Coppola, Ambra Fabi, Peter Pichler.