INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

Audi City Lab at Torre Velasca

Data Pubblicazione: 6 April 2016
velasca featured location

OPEN BORDERS

Untaggable Future
Piazza Velasca, 5
Dall’11 al 17 aprile dalle ore 10,00 alle 20,00

Il futuro corre più veloce di qualsiasi definizione. Sfugge alle classificazioni, insegue scenari dinamici. È fluido e visionario come i quattro percorsi tematici di Audi City Lab, l’innovativo evento targato Audi all’interno della Torre Velasca.

In uno straordinario spazio progettato dallo Studio BBPR negli anni Cinquanta, e ora reinventato da Piero Lissoni, si alternano, in quattro diverse serate, le personalità, le prospettive e le discipline più untaggable del nostro tempo.

audicitylab.audi.it

 

UNTAGGABLE FUTURE
Quattro percorsi tematici
Introducono: Fabrizio Longo (brand director Audi Italia) e Gilda Bojardi (direttore INTERNI)

 

Martedì 12 aprile ore 19.00

Untaggable People

Modera Massimo Russo (giornalista)

Intervengono Giovanni Perosino (head of marketing communication AUDI AG),

Francesco Morace (sociologo), Marcelo Burlon (fashion designer),

Ciro Priello/The Jackal (attore), Carlo Freccero (membro del Cda RAI)

 

Mercoledì 13 aprile ore 19.00

Untaggable Cities

Modera Massimo Russo (giornalista)

Intervengono Paola Antonelli (curatore), Stefano Boeri (architetto),

Piero Lissoni (architetto), Francesco Ragazzi (fotografo)

 

Giovedì 14 aprile ore 19.00

Untaggable Energy

Modera Carlo Antonelli (giornalista)

Intervengono Franca Sozzani (direttore Vogue Italia), Eleonora Abbagnato (étoile),

Alessio Bertallot (DJ), Joseph Grima (curatore), Piergiorgio Odifreddi (scienziato)

 

Venerdì 15 aprile ore 19.00

Untaggable Lights

Modera Carlo Antonelli (journalist)

Intervengono: Daniel Libeskind (architect), Marco Balich (producer),

Ingo Maurer (light designer), Francesco Bonami (art critic)

 

Glow, Velasca, Glow!

Ingo Maurer ha affrontato la sfida di illuminare uno dei grattacieli più originali, la Torre [...]

Innovative Perspectives

Materia, aria, spazio, luce. Forme dinamiche, armoniche, galleggianti, lucenti. Figure che illustrano uno sviluppo tecnologico [...]

Now Reading:
Glow, Velasca, Glow!

Glow, Velasca, Glow!

Progetto Ingo Maurer e Axel Schmid
Con CastagnaRavelli
Data Pubblicazione:

Ingo Maurer ha affrontato la sfida di illuminare uno dei grattacieli più originali, la Torre Velasca di Milano.

Il designer ‘dipinge’ l’edificio di luce: la parte inferiore e la copertura della torre assumeranno un colore rosso brillante, come fossero delle braci, e contrassegnano questa straordinaria architettura come hotspot temporaneo e sito di Audi City Lab. La parte centrale resterà scura, ma alcune finestre saranno illuminate a caso.

Quattro anelli bianchi si muoveranno sulla parte inferiore dell’edificio formando il logo della Casa automobilistica per qualche secondo di tanto in tanto.

Ingo Maurer preferisce non spiegare la sua scelta dei colori, ma lascerà che siano i visitatori a trovare la propria interpretazione.

La realizzazione tecnica dell’illuminazione della Torre Velasca è affidata a CastagnaRavelli.

 

Progetto: Ingo Maurer e Axel Schmid con CastagnaRavelli

Realizzazione: Audi

 

Previous Next
Now Reading:
Innovative Perspectives

Innovative Perspectives

Progetto Lissoni Associati
Torre Velasca
Data Pubblicazione:

Materia, aria, spazio, luce. Forme dinamiche, armoniche, galleggianti, lucenti. Figure che illustrano uno sviluppo tecnologico armonicamente riflesso nella dimensione estetica.

In occasione del FuoriSalone 2016, l’architetto Piero Lissoni interpreta il logo Audi in due installazioni collocate in corrispondenza di altrettanti luoghi emblematici della città di Milano: l’area antistante la Torre Velasca e via Montenapoleone.

I quattro anelli, simbolo dell’identità di Audi, diventano due creature metalliche cresciute su una superficie naturale che emanano e ricevono luce. Entrambe richiamano la leggerezza e la forza degli oggetti misteriosi e avveniristici dell’artista Fausto Melotti.

Espressioni di questo paradosso apparente, le due sculture – pensate per suggerire una ricerca che porta all’essenza delle cose, le rende lievi e le illumina – esprimono in realtà un perfetto equilibrio. Due microarchitetture che, viste dall’alto, disegnano la presenza di Audi nella geografia della città.

 

Progetto: Lissoni Associati

Realizzazione: Audi

 

Previous Next