INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

latest // Progetti

Islands 2017

“Il design diventa una forza dinamica, attiva, capace di unire e, soprattutto, trascendere i confini […]

saperi

Vecchi saperi, nuovi processi

Che cosa accade se a entrare nel vivo del progetto artigianale sono designer di formazione […]

oggetti4

Il teatro degli oggetti

Emilia Serra, architetto, e Andrea Mancuso, designer, meglio conosciuti come Analogia Project, si incontrano a […]

origami3

Origami Italiani

Che cos’è un tortello, re della pasta fresca ripiena, se non una forma definita da […]

La quinta copertina d'autore di Interni, creata dall'artista francese Annabelle d'Huart, che in onore dell'estate ha realizzato il disegno a inchiostro "Sorrento".

Annabelle d’Huart

Annabelle d’Huart (Parigi, 1952) si occupa di fotografia, disegno, scultura, gioielleria. Dopo gli studi alla […]

trazzi4

Luca Trazzi: piccoli grandi progetti

“L’appartenenza emotiva è la fase progettuale del design”. Inizia con queste parole la nostra conversazione […]

featured-image_Christensen-02-copia-2_web

Christensen & Co: Architetti Supersostenibili

Il pensiero ‘sostenibile’ di Michael Christensen, founder e anima dello studio danese Christensen & Co […]

luce

Luce fluida

Ci sono pochi designer che hanno la capacità di reinventarsi e di stupire a ogni […]

Petrified Carpet, di Alessandra Covini e Tomas Dirrix dello Studio Ossidiana, installazione di elementi architettonici in cemento ispirati a giardini e tappeti persiani. Realizzata con il sostegno dell'Ambasciata e del Consolato Generale del Regno e dei Paesi Bassi a Milano. Foto: EH (Kyoungtae Kim).

Brutalist Toys

Quando è veramente riuscito, il progetto d’arredo non è solo sintesi di forma e funzione, […]

prima scelta_formafantasma_feb2017-4155-Modifica_alta copia

Esercizi di produzione industriale

Dalla consacrazione internazionale nel design di ricerca, dei processi narrativi e della speculazione intellettuale, il […]

La pavimentazione è stata ridisegnata per facilitare il flusso delle persone: senza ricorrere a segnalazioni o barriere intrusive, la texture delle pietre che rivestono l'asfalto, aiuta i pedoni ad orientarsi. Anche nele ore serali, grazie a piccoli tondini d'acciaio, inseriti nella pavimentazione, che brillano alla luce delle insegne luminose.

Walking in New York

Togliere spazio alle auto e restituirlo alle persone. Un’impresa non semplice, soprattutto se il contesto […]

fragment2

Fragments of life

“Cosa mi ha convinto ad accettare questo incarico? La promessa di una grande libertà”. Ron […]

Risorse Digitali